Gianluca Di Lorenzo, uno Junior sul tetto del culturismo Italiano

14018009_1594242804202755_2027130249_n1) Grazie per essere qui, vuoi introdurti ai nostri lettori per quanti non ti conoscono? 

Salve a tutti i colleghi e agli appassionati del ferro, mi chiamo Gianluca Di Lorenzo sono napoletano ho da poco compiuto 23 anni e pratico fitness da circa 3 anni e mezzo quando in seguito ad un lesione alla tibia decisi di smettere con il podismo e rimanere in forma con la palestra.

2) Come ti sei avvicinato a questo stile di vita e come/perchè poi hai deciso di intrapredere l’agonismo?

Dal rimanere in forma , al fitness  al culturismo vero e proprio il passo è breve per quanto mi riguarda: il mio corpo rispondeva davvero bene e dopo il primo anno e mezzo e con già ottimi risultati decisi di intraprendere il body building come attività primcipale da solo, dopo essere rimasto senza parole di fronte ad un poster di Kevin Levrone in una indimenticabile “most muscolar” che in me accese la voglia di lavorare sempre più e duramente per sembrare più simile possibile a quella figura incredibile ritratta in quel poster!
Da li i primi video motivazionali e tutto quello che è stata la golden era USA, le prime nottate a vedere il mr Olympia in seconda serata in tv ad accrescere sempre più il desiderio di calcare un palco prima o poi!

3) Gianluca, chi è il tuo coach?

Bè diciamo che abbinando dieta integrazione e allenamento un po’ come fanno tutti i ragazzi agli albori, e informandomi su i vari forum del web di allenamento e nutrizione e scambiando chiacchiere con i veterani della palestra ho tirato avanti fino al 17 aprile 2015, quando spinto dalla voglia di fare le cose per bene al primo colpo e in un colpo solo ho trovato un maestro, un datore di lavoro, un amico irrinunciabile ormai quasi un”secondo padre” e senza ombra di dubbio un esempio della cultura fisica: campione pluripremiato e ormai professionista del settore, nutrizionale e esperto di fitness, il Dott. Salvatore Solimeno.  Mi vide e mi mi fece capire che potevo avere le carte in regola per dire la mia prima o poi. Il mio primo anno agonistico iniziò dopo solo due mesi in cui mi trasformò letteralmente da appassionato ad “atleta” permettendomi di fare esperienze nel circuito Wabba International e Ibfa, dove chiusi l’anno piazzandomi in tutte le competizioni del 2015 (circa 7 gare estive…) sempre sul secondo gradino del podio. Un ottimo risultato per un esordiente direte voi, ma quell’esperienza di essere sempre ad un passo “dall’ oro” mi diede la carica e il fuoco interiore per affrontare un estenuante periodo di costruzione che mi ha portato poi alla mia effettiva trasformazione!

4) Ci Parli dei tuoi più recenti risultati agonisitici e le sensazioni diverse che hai provato?

14021662_1591517821141920_4539886367803816704_nBè il giorno successivo al compimento del mio ventitreesimo compleanno, 15 maggio 2016 alle selezioni regionali Wabba International di Sorrento un nuovo Gianluca Di Lorenzo sale in pedana e sbalordisce tutti, anche se stesso, per come tiene il palco fieramente e riuscendo a conquistare il podio nella sua categoria juniores e a guadagnarsi la possibilità di competere ai nazionali di Verona!
Anche qui risulto primo indiscusso e nemmeno il tempo di realizzare la mia “neo laurea” di campione italiano Wabba International che mi trovo il giorno dopo di nuovo sul gradino più alto a sollevare la coppa di campione mondiale!!! In una gara che è stata a mio parere, tra le mie esibizioni più emozionanti… Inutile dirvi cosa ho provato insieme ai miei cari e sopratutto al mio coach con cui ho vissuto in simbiosi ogni momento dall inizio alla fine.. Tornati nella bella Napoli carico di coppe e di titoli ci sediamo a tavolino e decidiamo che adesso era il momento per sfruttare al massimo la mia miglior forma di sempre: sono pronto per debuttare nella federazione dei miei sogni la IFBB.
In men che no si dica mi ritrovo a Roma vincente anche sul palco del GP Onewayfitness, gara qualificante per il campionato Italiano assoluto IFBB.. Il sogno era vicino.. La settimana più lunga della mia preparazione, ogni giorno estenuante già carico da stanchezza accumulata da 4 gare, una più prestigiosa dell altra, si chiudeva con la domanda:  Gianlù hai dato più del massimo? ..Così parto per Roma nuovamente carico di adrenalina mista paura e concendtrazione; non mi importava di ciò che avevo conquistato fin ad allora…Non mi importava “chi ero” ma chi sarei potuto essere il giorno dopo i campionati IFBB! Vedo tutti i campioni e le varie glorie della IFBB Italia come in foto, alcune persone mi fermano per farmi i complimenti e per dirmi che seguendomi su facebook ramite CULTURISMO ITALIANO erano ormai diventati miei sostenitori! Incredbilie! Steso nel back stage, completamente immerso in ciò che mi aspettava, per la prima volta salivo sul palco non più speranzoso di far bene, ma convinto di essere l’ uomo da battere! Posa dopo posa contro i migliori juniores italiani vengo proclamato primo anche qui e sancisco il record personale di 4 titoli su un totale di 5 gare nella mia categoria juniores (con la vittoria al oneway non si acquisiscono titoli): campione regionale Wabba Internationa, campione italiano Wabba International, campione mondiale Wabba International e campione italiano Junior IFBB !
Solo una volta tornato a casa e aver posto l ‘ultima coppa in fila con le altre mi resi conto dell impresa.
Non adagiandomi mai,  ma su ciò che avevo e focalizzandomi su ciò che volevo chiudendo le gare estive con soddisfazione immensa e il giorno dopo gli italiani Ifbb, mi metto subito in off per dare il massimo nelle prossime competizioni invernali IFBB dove ho intenzione di confermare e replicare un altra trafila di successi!

14030660_1594242827536086_1845222182_n

5) Chi ti piacerebbe conoscere o con chi i vorresti allenare almeno una volta nella vita, dell’elite del bodybuilding mondiale?

…Bè  date le recenti dichiarazioni nel volersi rimettere in gioco addirittura per l’ Olympia, il mio sogni sarebbe di allenarmi con the Maryland Muscle Machine AKA Kevin Levrone, che come ho detto mi ha catapultato nel mondo del body building. I  mia preferiti come quella di tanti è la golden era 80/90 dei vari Levrone, Wheeler, Sarcev e Ray che restano i miei modelli di ideali estetici!

6) Ci puoi spiegare come ti alleni in generale e dare un allenamento tipo e come svolgerlo per le gambe?

i miei allenamenti si differenzianoin base a imminenza di una competizione. Attualmente che mi trovo a pochi mesi dai palchi invernali e il coach ha optato per un brevissimo periodo di relax in cui tenendo sempre la dieta e abbassando i WORKOUT a 4/5 sedute ho ristabilito l’ equilibrio  ora che sono nel pieno del lavoro intenso per dare il meglio in queste competizioni. Se dovessi consigliare un tipo di allenamento sicuramente i tri-set sono un ottimo compromesso tra lavoro di intensità e resistenza utilissimo sia in regime dietetico drastico dove insieme al circuito, a mio parere si classificano come i migliori alleati della lipolisi supportato ovviamente ad una dieta ben strutturata e in periodo di bulk dove si è soliti abbassare le reps e alzare i recuperi, elavorando unicamente sull’ intensità i triset ci permettono di reclutare tutte le fibre che dopo 6/8 ripetizioni di lavoro intenso e sono meno stimolate. Questa e la tecnica che consiglio anche nel “leg day” in quanto ci permette di intervenire su tutti distretti del lower body in maniera sinergica!

13880325_1588869491406753_3578792221674824264_n

7) Quali sono i tuoi integratori preferiti e perchè?

Per quanto riguarda l’ integrazione non sono mai stato dipendente dalle “polveri”, diciamo che prediligo una dieta ben strutturata che diversifico il più possibile senza star li a fare il piccolo chimico con il bilancino. Ovviamente nel mio quotidiano non possono mancare idrolizzate e bcaa, glutammina, acido lipoico e omega 3 in primis, e in periodi un po’ più lontani dai contest sono solito usare creatina e destrosio per massimizzare gli allenamenti intensi dei periodi di costruzione.

8) Nella tua dieta durante l’anno non agonistico, quando vuoi crescere, preferisci seguire un aumento graduale di peso o un bulk spinto alla Lee Priest,  per capirci?

Di solito preferisco un lean bulk, ma vi confesso che il vero salto di qualità l’ ho fatto nel momento in cui post stagione agonistica estiva 2015 ho iniziato a stare subito in ipercalorica a poco meno di 5000 kcal partendo da un peso gara di 86/87 kg fino ad arrivare al mio massimo mai raggiunto 114 kg in off. In questo periodo anche se la percentuale di grasso era sempre controllata e sempre al di sotto del 12% di grasso corporeo, esteticamente ero molto coperto quindi diciamo che ho dovuto mettere un po’ lo specchio da parte.. Ovviamente la dieta era alta in kcal per la quantità del cibo e non per la qualità scadente, in quanto sopratutto nei periodi di ipercalorica preferisco non consumare troppi cheat meal (massimo 1 al mese se capita e comunque sempre senza esagerare) perché essendo già bello carico non voglio rischiare in un aumento di peso non funzionale al guadagno fisico.

13241308_1566336323660070_370615264145538743_n9) Alimento da cheat meal, preferito?

La mia fortuna e che non sono un tipo goloso di dolci o fast food in quanto l’unico alimento che un po’ mi pesa non toccare in preparazione è la pizza, da buon napoletano; Che poi volendo può cmq starci in un regime da 5000 kcal in cui i carbo la fanno da padrone ovviamente sempre con i dovuti accorgimenti.

11) Chi è Gianluca Di Lorenzo a parole tue?

Bhe chi è Gianluca Di Lorenzo? Una domanda un pò esistenziale a cui non è facile dare una risposta secca.. …uhmm…Diciamo che non solo in ambito culturistico sono uno a cui non piace sognare o sperare cioè che desidera.. Se c e un modo per raggiungere ciò che desidero, cerco di  conquistarlo e  non mi scoraggio mai e ci provo e riprovo fin a quando non riesco! D’ altronde come si dice: un vincente è un sognatore che non ha mai mollato!

12) Perchè ti piace il Bodybuilding come stile di vita?

Al bodybuilding devo davvero gran parte della mia crescita interiore.. La filosofia che alcune cose, come il fisico, non si possono comprare ma si guadagnano spendendo (in tempo, dedizione, fatica etc) mi ha reso una persona più forte e grazie al rapporto che il coach ha instaurato tra tutti i ragazzi del team, il body building mi ha insegnato anche la fratellanza, l’umiltà, la disponibilità verso gli altri, la condivisione, e sopratutto il rispetto dell’altro!

13) Quando salirai nuovamente su un palco?

Per fortuna colmerò a brevissimo l’ardente desiderio di ricalcare il palco in quanto in pochi mesi sto lavorando per essere di nuovo protagonista indiscusso in tutte le competizioni invernali ifbb per l’ultima volta in categoria Juniores.. Poi mi aspetterá una lunga off forse di qualche anno per riuscire a costruire un fisico che mi permetta di dire la mia nella categoria di peso che mi aspetterà,  probabilmente intorno ai 90 kg, contro atleti che si allenano da più anni e che hanno molta più qualità ed esperienza di me!

GianlucaDiLorenzo_Culurismoitaliano14) Secondo te, questo stile di vita, o meglio….l’allenarsi con i pesi e seguire una dieta equilibrata, non gareggiare nello specifico, potrebbe essere da preferire e da suggerire ai tanti che vogliono inziare un’attività in palestra? Invece di Zumba, step e compagnia cantante?

In base alla mia esperienza non posso che consigliare e spingere tutti al body building in quanto come ho già detto che mi ha reso una persona più matura e migliore nei confronti degli altri. E Comunque un approccio rigoroso e sempre da preferire ad un più sommario di chi crede che i risultati capitino con il tempo! Nulla capita per caso, ma succede solamente quando si fa correre tutto nella stessa direzione di conquista dell’obiettivo che sia agonistico o dilettantistico! A mio parere “esercizi” come la zumba o i corsi fitness sono più uno svago della mente e utili per il concetto di benessere più mentale, che fisico.. Di certo converranno tutti con me nell’affermare che il body building è più funzionale nei risultati.. Magari l’unico vantaggio è la socializzazione dei primi, rispetto al culturismo che potrebbe risultare un po’ più alienante in quanto é un lavoro che si fa con se stessi.. Per quanto mi riguarda se dovessi frequentare un corso lo farei esclusivamente per conoscere una bella ragazza (XD)!

15) C’è una persona..che conosco molto bene…che mi ha detto che sei un ottimo atleta al momento, ma decisamente pazzo! (ride) Nel senso buono ovvio, ma nel tuo caos di scelte avventate hai fatto delle scelte perfettamente equilibrate e con ridsultati lampanti e decisamente ottimi, vuoi rispondere a questa persona?

Cosa rispondo a chi mi ha da scherzosamente del folle?! Bhe che non può che avere ragione !Perché so bene che ho fatto delle scelte che pochissimi che pensano giustamente al loro avvenire avrebbero fatto: vincere tutto in una federazione e dopo due settimane fare lo stesso in un altra consapevole di beccarsi squalifiche internazionali in entrambe (possedendo titoli assoluti in entrambe lei federazioni sono stato sospeso per un anno dai palchi esteri sia in IFBB che in WABBA trovandomi campione in carica in entrambe). Dal mio canto posso dire che il mio essere “impavido” mi ha comunque portato al massimo risultato auspicabile e che essere ambizioso e non accontentarsi di ciò che si ha (nemmeno se hai appena intascato un titolo nazionale ed internaIonale) mi ha regalato adrenalina ed emozioni fortissime che terrò sempre nel mio bagaglio di esperienze indimenticabili regalate dal body building agonistico!

16) C’ un ultima cosa che vuoi dire ai nostri lettori, ringraziamenti particolari che vuoi fare, prima di chiudere qusta intervista?

Gianluca_di_Lorenzo_cutlurismoitalianoVorrei ringraziare in primis il mio coach Salvatore, che mi ha portato dal nulla a conquistare tutti i miei sogni agonistici e per avermi “consegnato” il trofeo più prezioso, quello della sua amicizia; un ringraziamento va alla mia famiglia che mi ha sopportato e supportato nei momenti no della preparazione, in particolare mia sorella e mia madre, ed una ragazza che nonostante oggi non frequenti più, purtroppo,  è stata la mia ancora di salvezza nella perdizione mentale data dalla fatica e dallo stress precontest, Vittorio Gagliano per avermi consigliato e supportato da quando ero ancora “l’eterno secondo” della passata stagione agonistica ad oggi che sono l’attuale campione italiano in carica, tutta la Bodyhouse di Pompei colleghi e clienti che hanno sempre creduto in me e mi hanno sostenuto nel mio percorso e infine. coloro che hanno investito parte del loro tempo a leggere di me è del mio pensiero sul body building.

Per concludere voglio citare una frase del più famoso culturista di sempre: Non importa quanto tu sia lontano dal tuo obiettivo…inizia ad avvicinartici. Con la forza della goccia che buca la roccia, con la fede che sposta le montagne e, soprattutto la passione che brucia nel cuore, chissà, forse, un giorno… (Schwarzenegger).

Ho avuto la determinazione dalla mia parte e per me “quel giorno” è arrivato.. E spero ne arrivino in futuro tanto altri!
Ad maiora amici GIANLUCA DI LORENZO!

Annunci

Un pensiero su “Gianluca Di Lorenzo, uno Junior sul tetto del culturismo Italiano”

  1. Credo che la passione, la determinazione e la completa dedizione di Gianluca al suo sogno, siano state le carti vincenti che l’hanno reso il campione che è oggi e che in passato come adesso sono certa continuerà ad essere. 🏆
    In bocca al lupo!
    Scri.🎈

    Mi piace

I commenti sono chiusi.