Arnold Classic PRO 2015, Cosiderazioni – di Francesco Seccarecci

secca

A poche ore dall’imminente evento sportivo dell’anno, il più importante a livello amatoriale, che si terrà, come consuetudine, a Columbus (Ohio) allietiamoci con un pò di chiacchiere da bar.

Categoria OPEN.

Assenti Kay, Phil, Shawn e Wolf, i pronostici del caso vedono Dexter favorito per la vittoria, voglioso di mettere sopra il comodino la quarta statuetta personale della competizione. Alte le quotazioni del rude Branch, sesto classificato all’ultimo MR.O indi per cui, de facto, tra i papabili alla vittoria.
OCCHIO al redivivo Centopani; l’Italo-Americano da quando è sotto la guida di Oscar Ardon ha macinato kg su kg di beef pulita e le sue masse guarguantesche potrebbero farlo rimbalzare tra le primissime posizioni. Penso che se la definizione sarà all’altezza dei volumi portati, potrebbe seriamente impensierire la TOP 3. Mina vagante.
Beyeke Lionel. Ancora lui? Si esatto ragazzi, Beyeke. Gran belle linee e masse importanti, umile e su di giri, grande assente a Las Vegas l’anno scorso malgrado il pass conquistato grazie alla classifica a punti. Se portasse una condizione in stile AC Brazil sarebbe duro da battere ma non punterei su di lui per la vittoria; quel velo d’acqua che si porta dietro da sempre lo terrà lontano dalla vetta a meno che non abbia adottato le giuste contromisure. L’assenza di drammaticità muscolare, a questi livelli, è una zavorra su cui molto difficilmente i giudici sorvolano. Big Ramy 2.0.
Justin Compton: segnatevi questo nome. Sulla carta non tra i favoriti, anzi. Pro da non troppi anni e volumi e maturità muscolare ancora da perfezionare per far paura agli alieni li davanti ma non lo darei battuto in partenza. Lo guida ora un certo Hany Rambod, vi dice qualcosa? Esatto lui, il GURU. Colui che allena gli ultimi tre Mr/Miss Olympia 2014, una sorta di Re Mida del BB. Ovunque mette mano trasforma materia organica in oro scintillante.
Cedrid McMillian: bello bello bello. Statuario, ricorda molto un BB anni ”80, il bel BB. QUANDO arriva in condizione è imbattibile (quasi). Il punto è che, in condizione, non arriva mai. Sarà la volta buona?
Categoria 212.
Flex stia comodamente sul divano a fissare routine in giro per il pianeta e merchandising made in Irlanda. L’ASF lo gusterà comodamente davanti la tv. On stage sarà, a mio avviso, singolar tenzone tra Eduardo Correa, uno degli uomini più qualitativi e strappati che i miei cerulei occhi abbiano visto a livelli PRO, Jose Raymond e Hide Yamagishi, rispettivamente 2*, 3* e 4* posto al recente Olympia. Direi che il brasiliano ha qualche margine in più rispetto agli altri due di spuntarla ma vedendo i video postati da Hide girati negli ultimi giorni a Vegas e del posing practise di Jose, direi che tutti e tre se la gocano equamente per la vittoria.
Nota: Aaron Clark, 6* posto all’Olympia 2014, non è in Ohio in vacanza; anche perchè al di la della statua di Arnold e del freddo gelido ci sarebbe ben poco da fotografare. Quindi mi aspetto da parte sua un colpo di scena. Stupiscici.
Men’s Physique.
STRA favorito Mr Sadik Hadzovic. Lo seguo sempre sui social e ho notato che a sto giro ha una condizione SUPERBA. Bello, tirato ma non troppo, proporzionatissimo, distanza scapolare che fa provincia, girovita da Bikini Juniores e sorriso da belloccio self confident californiano. In più l’unico che avrebbe potuto impensierirlo, Jeremy Buendia neo-Olympia, ha preferito rimanere a casa a spolverare (come dargli torto) il Sandow.
Sadik ha davanti a se un autostrada, SE non sbaglia nulla in ricarica vince a mani basse. Favoritissimo al podio Jason Poston e tra i top 5 Anton Antipov.
Dulcis in fundo, nota per il mio pupillo, il mio preferito, “Felipao” Felipe Franco.
Lui è, a mio avviso, colui che incarna al meglio lo spirito e la ratio alla base della creazione della nuova categoria MP. Snobbato – secondo me troppo all’Olympia – penso che debba macinare un pò di pachi PRO per farsi ammirare al meglio. Non dimentichiamo che è Professionista da un anno soltanto. Consiglio personale: Felipao, non farti distrarre troppo da tv, spettacolo e vita da star perchè la salita è stata rapida ma altrettanto può esserlo la discesa; concentrato e sorridente, hai le carte per spazzar via, un giorno, tutti o quasi.
ITALIAN MIX.
Tantissimi gli Italiani in gara, molti dei quali miei amici. Analizzare tutte le categorie sarebbe troppo anche perchè molti sono i connazionali in gara. Non me ne vogliano ma suggerisco alcuni nomi tra i candidati, giusto una overview: prime tra tutti Giorgia Foroni, neo campionessa europea, neo campionessa ACE. Ammirata dal vivo al Seccarecci Classic. Crescita professionale esponenziale e candidata al podio. Strepitosa.
Mirco Caselli, denso-duro-definito tenterà il BIS per entrare nella storia e Chakib Bouhlal (qualitativo e con una linea incantevole) potrebbe essere la vera rivelazione. Ho avuto modo di ammirarlo alla Notte dei Campioni e all’Ercole di Torino ed in entrambe la gare ha vinto dominando senza alcuna lacuna. In america servirà di più ma le carte le ha. Passerini Flavio  ho visto della foto davvero in condizione super e tra le bikini una su tutte Jessica Stefanini, in formissima nelle ultime uscite in terra nostrana e la più adatta, a mio avviso, ai canoni “americani”. Tra i MP dico Andrea Mosti, probabilmente il migliore MP di cui la Nazionale al momento dispone e fresco Vice-Campione all’ACE. Potrebbe fare il colpaccio in terra americana. Peccato solo non averlo visto in azione al Mondiale, considerando il line-up in Quebec magari, adesso, avremmo avuto un altro Campione del Mondo insieme all’oro Marco Gandolfi Vannini.
Tantissimi gli atleti che vorrei citare, Federica Gobbetti Atleta Bikini IFBB bella, sorridente e qualitativa, Galia Jordan vera sorpresa del 2014 e tanti altri, chiedo scusa per coloro che non ho mensionato sma citarli e analizzarli uno ad uno sarebbe troppo e forse, troppo noioso per chi legge.
L’Arnold è una gara stupenda e difficilissima. Non è per mettere le mani avanti ma già essere li vuol dire far parte di una ristrettissima rosa di atleti, scelti accuratamente per rappresentarci all’estero. Il livello sarà alto ma non dimenticatevi l’arma che contraddistingue noi italiani: il sorriso. Sappiamo soffrire e dare il meglio di noi nelle occasioni che contano.

Forza Italia, Forza IFBB, FORZA RAGAZZI!

Francesco Seccarecci

Annunci