Intervista a Daniel Rosati – Brazialian Bodybuilder

Q : Mr Rosati, can i call Daniel into the interview? Thank you for taking the time to sit down and do this interview. let’s us introduce you to those who do not know you yet and are visiting Culturismo Italiano, where are you from? How old are you?

Yes, sure, my friend, I am born in São Paulo, the capital, was born on March 6, 1978, grandson of Italian…my competitions:
• Campeão da Copa São Paulo de Fisiculturismo no ano de 2006
• Campeão Paulista de Fisiculturimo pela pela IFBB, obtendo primeiro lugar em sua categoria e overall, no ano de 2006
• Campeão Terceiro Colocado no Campeonato Paulista de Fisiculturismo IFBB no ano de 2007
• Terceiro Colocado, Cat. 90kg – Mr.Santos 2010
• Campeão Overall, categoria acima 90Kg- 8º Campeonato Aberto de Americana 2012

Q: How you discover the bodybuilding world?

From a young age, my parents encouraged me to sports. I had practiced judo, tae kaew, and at age 15, through magazines imported from bodybuilding, I identified with this sport, focusing only on weight thereafter.

Q: Why did you get involved in bodybuilding?

Through films like Rambo, Arnold films, cartoons that had strong heroes, I was forming my identity, and through training I could change my body, I saw that in bodybuilding, was the sport I could reach that goal, in which you are a painter and work at the same time.

Q: Tell us about your training? Do you have a particular philosophy?

My training consists of basic exercises, however, I focus amplitudes complete control negative and significant in the low range between them. Basically a workout is simple, but this simplicity I focus on precise angles, reps until exhaustion.


Q: What exercises do you feel are the most effective for beginners?

I think really the most complex for beginners would be a free squat, stiff, forward, always monitored by an instructor.

Q: What did you do immediately prior to a show or a photo shoot to minimize water retention? How did you come in with the kind of dry, shredded and conditioned physique for which you had a reputation?

There are several procedures such as not drinking water the day before, just eat carbo, teas, and some amounts of vitamins, they cause a diuretic action. I get a great lean body, and solid volume of mass. I seek to enhance the volume, and even if not so defined, has a visual impact of more defined than it really is.

Q: Wich are the nutritional strategies that follow in the off season and pre contest?

In off, I eat all the food groups, the largest amount of protein, and carbo will eat, and eating junk sometimes. In the pre-contest I cut the bad fat, frying, I reduce sugar and salt, and control over the carbo, avoiding complex carbo drink the night, and eating protein with carbo simple as salads, broccoli. The protein is high.

Q: What is the bodybuilding, for you?

It is an art in which you express so surreal maximum human development, you externalizes what everyone sees only in anatomy books!

Q: During your career in Bodybuilding, did your family support you or don’t understand your passion?

Yes, they do, always concerned with health, because every competitive sport has risk of injury.

Q: What is your advice for the younger bodybuilder who looks up to you?

Make the most well made possible with passion, and look to be around people who support you, and live happily, organize yourself on a daily, live moments strolling, dating, friendships, family, all within a context that does not disturb nor your goals as an athlete, or for socializing with people who live around you.

Q: When you compete again?

I stopped three months, and returned to training two weeks make. I had back problems and gastritis, but returned to practice physiotherapy. Once recovered physically I’ll try to get in some major championship, and would like to take this opportunity to mention that I would love to be able to compete in Italy and represents it in competitions as an Italian citizen, and of course a sponsorship would be very welcome.

Q: We know you have a freaky huge muscles, you look like a Hulk, when you begin to lift weights you know you will be like you or you begin to think…”i only want few muscles”….?

Of course during the workout has the pump, of which a great impact when compared relaxed. I think during training in making as much repetition as possible, making the movement more well done as possible, and I try to be training harder than everyone else, I mean like “nobody is suffering more than me right now” (laugh)!

Q: Tell us some funniest comments the people give you when they see someone as big and shredded like you walk down the streets?

I could write a book! “Hulk is here!”, or “do you wear shoulder pads?”. There are people who like and dislike. Bodybuilding is a sport that arouses emotion and envy in people. You do not see people on the street making jokes of paraplegic, or someone who has elephantiasis, because they feel sorry, but when they are jealous, they usually say bad things about you.

Q: WHAT MOTIVATES YOU TO WANT TO BE THE BEST now and when you was on stage?

The people around me, friends, and others who will meet me in the future. I have passion to be an athlete, serving as an example to inspire people to do physical activity, and surprising. I’m an athlete’s people. Sometimes I fail in diet, others do right, I get sick, I’m boring sometimes. I want to be world champion athlete, like many people, in short, I am naturally accessible. There are many champion athletes, professionals, but who live in that little world of glamor, smug and arrogant. This type of behavioral character keeps people away, they do not truly inspire, because they see them as something unattainable.

Q: If you could train with anyone past or present who would it be?

Nobody, everyone is welcome

Q: There some message you want to comunicate for our readers for do their best into bodybuilding?

The passion in what you do, should be dedicated to overflowing an ocean, and all that energy is all that needs to be dissipated throughout your life, workouts, meals, dedication and respect. Forza Italia!



——————————-
TRADUZIONE IN ITALIANO
——————————-

D: Salve Mr. Rosati, posso chiamarla Daniel durante l’intervista? Grazie per aver trovato il tempo di sederti e fare questa intervista con noi. Presentati a coloro che non ti conoscono ancora e stanno visitando Culturismo Italiano, di dove sei? Quanti anni hai?


Sì, certo, amico mio, sono nato a San Paolo, la capitale, è sono nato il 6 marzo 1978, ho 35 anni e sono nipote di italiani :)…queste le mie competizionipiù importanti:
• Campeão da Copa São Paulo de Fisiculturismo no ano de 2006
• Campeão Paulista de Fisiculturimo pela pela IFBB, obtendo primeiro lugar em sua categoria e overall, no ano de 2006
• Campeão Terceiro Colocado no Campeonato Paulista de Fisiculturismo IFBB no ano de 2007
• Terceiro Colocado, Cat. 90kg – Mr.Santos 2010
• Campeão Overall, categoria acima 90Kg- 8º Campeonato Aberto de Americana 2012

D: Come hai scoperto il mondo del bodybuilding?

Fin da giovane, i miei genitori mi hanno incoraggiato a fare sport. Avevo praticato judo, tae kaew, e all’età di 15 anni, attraverso le riviste importati di bodybuilding, mi sono identificato con questo sport, concentrandosi solo sul peso in seguito.

D: Perché sei stato coinvolto nel bodybuilding?

Attraverso film come Rambo, Arnold, cartoni animati che avevano eroi forti, mi si è formata la mia identità, e attraverso l’allenamento ho potuto cambiare il mio corpo, ho visto tutot ciò nel bodybuilding, è lo sport con cui ho potuto raggiungere questo obiettivo, in cui si è come un pittore/scultore e si lavora allo stesso tempo su stessi.

D:Daniel, parlaci del tuo allenamento, hai una filosofia particolare?

Il mio allenamento è costituito da esercizi di base, però, metto a fuoco il controllo completo del movimento anche in fase negativa e del movimento completo senza enfatizzarlo troppo. In pratica un mio allenamento è semplice, ma in questa semplicità mi concentro su angoli precisi, ripetizioni fino ad esaurimento.

D: Quali esercizi più efficaci per i principianti?

Gli esercizi di base. Ma credo che davvero che per i principianti sia difficile eseguire uno squat libero, corretto, ma lo consiglio sempre e da fare sempre controllata da un istruttore.

D: Che cosa hai fatto immediatamente prima di uno spettacolo o di un servizio fotografico per ridurre al minimo la ritenzione idrica? Cosa per cui sei molto riconsociuto sul palco?

Ci sono diverse procedure, come non bere l’acqua il giorno prima, mangiare solo carbo,o bere tè, e alcune quantità di vitamine, che provocano azione diuretica. Così ottengo un corpo molto magro, e del volume solido di massa. Cerco di aumentare il volume, e anche se non è così definito, ma con un impatto visivo più definita di quanto non sia in realtà 😉

D: Quale sono le strategie nutrizionali che segui in bassa stagione e una vicino ad una gara?

In off, mangio tutti i gruppi alimentari, con grandi quantità di proteine ​​e carbo, e mangiare anche cibi “sporchi” a volte. Nel pre-gara taglio il grasso cattivo, frittura, riduco gli zuccheri e il sale, e ho il pieno controllo dei carbo, evitando quelli complessi e cerco di bere tutta la notte, assumendo in questo periodo molte proteine ,e carbo semplici come insalate, broccoli.

D: Cos’è è il bodybuilding, per te?

E’ un’arte in cui si esprime così surrealmente il massimo sviluppo umano, si esteriorizza ciò che tutti vedono solo nei libri di anatomia!

D: Durante la tua carriera in Bodybuilding, la tua famiglia ti supporta o non capiscono la tua passione?

Sì, lo hanno sempre fatoo, sono semrpe interessati alla mia salute, perché ogni competizione sportiva ha rischi di lesioni e loro lo sanno 🙂

D: Qual è il tuo consiglio per il bodybuilder più giovane che ti vuole prendere ad esempio?

Date il massimo ma fatelo con passione, e cercare di stare vicino a persone che ti sostengono, e vivere felicemente, organizzare il tutto sul quotidiano, vivete ogni momento , incontri, amicizie, famiglia, il tutto in un contesto che non disturba né i vostri obiettivi come un atleta, nè la vostra socializzare con persone che vivono intorno a voi.:)

D: Quando gareggerai di nuovo?

Ho smesso da tre mesi, e tornato ad allenarmi da due settimane. Ho avuto problemi alla schiena e una gastrite, ma son tornato a praticare fisioterapia. Una volta recuperato fisicamente cercherò di prepararmi per qualche campionato importante, e vorrei cogliere l’occasione per dire che mi piacerebbe essere in grado di gareggiare in Italia e rappresentarla in competizioni come cittadino italiano, e, naturalmente, una sponsorizzazione sarebbe sempre benvenuta:D


D: Sappiamo che hai una muscolatura enorme Freaky, assomigli a Hulk, quando hai iniziato a sollevare pesi, hai mai pensato di voler esseer così o all’inizio pensavi: “Io voglio solo un pò di muscoli” ….?

Sono sempre voluto essere grosso. Naturalmente durante l’allenamento sei molto pompato, che dà un grande impatto rispetto ad essere rilassato. Ho sempre pensato durtante gli allenamenti a fare più ripetizioni possibili, per quanto possibile, rendendo il movimento più che ben fatto, e cerco di ottenere l’allenamento più forte di tutti gli altri, voglio dire: ” che nessuno soffra più di me in questo momento” (ride)!

D: Raccontaci alcuni dei commenti che ricevi dalle persone quando vedono qualcuno grande e separato come che che cammina per le strade, che tipo di comenti ricevi?

Potrei scrivere un libro! “Hulk è qui!”, Oppure “ti metti le spalline?”. Ci sono persone a cui piace e cui non piace. Il Bodybuilding è uno sport che suscita emozione e l’invidia nelle persone. Non si vede la gente per strada di fare battute su un paraplegico, o su qualcuno che ha elefantite, perché fa pena, ma quando sono gelosi, di solito dicono cose cattive su di te!

D: Daniel, cosa ti spinge a voler essere il migliore adesso e quando si sta sul palco?

La gente intorno a me, gli amici, e tutti coloro che sono intorno o che incontrerò in futuro. Ho la passione di essere un atleta, che serve come esempio per ispirare le persone a fare attività fisica, e sorprendente. Io sono un’atleta della gente. A volte non riesco stare concentrato sulla dieta, altri invece la seguono senza problemi, mi ammalo, sono stanco a volte. Voglio essere un atleta campione del mondo, come molte persone, in breve, cose che sono naturalmente accessibili. Ci sono molti atleti campioni, professionisti, ma che vivono in quel piccolo mondo di glamour, compiaciuta e arrogante di se stessi. Questo tipo di carattere tiene la gente lontana, non le ispira realemente secondo me, perché li vedono come qualcosa di irraggiungibile.

D: Se ti potessi allenare con qualcuno del passato o presente chi sarebbe?

Nessuno, in realtà, tutti sono i benvenuti 🙂

D: C’è qualche messaggio che vuoi comunicare ai nostri lettori per fare del loro meglio nel bodybuilding?

Mettete la passione in quello che fate, dovrebbe essere come un oceano traboccante, e tutta questa energia deve essere infuza per tutta la vita, gli allenamenti, i pasti, la dedizione e il rispetto. Forza Italia!

Annunci

Un pensiero su “Intervista a Daniel Rosati – Brazialian Bodybuilder”

I commenti sono chiusi.